lunedì 12 gennaio 2009

COME SI MANIFESTA LO SPIRITO SANTO

15/12/2008

Chi conosce la faccia dello Spirito Santo? Nessuno lo ha mai visto, nessuno ha mai avuto la fortuna di intravvedere la sua “fisionomia”. Noi siamo esseri formati da materia per cui parlare o immaginare cose o entità che non siano formate del nostro stesso materiale, diventa difficile se non impossibile. E' vero ci aiuta la fede ma nel caso dello Spirito Santo, la cosa si complica ancora di più.Il Padre nella sacra scrittura, si è manifestato più volte: ha discusso con Mosè nel deserto, ha conferito con i profeti in mille occasioni. Gesù Cristo, anche se ai suoi contemporanei è apparso non nella sua forma spirituale, si è presentato in carne ed ossa dicendo chiaramente chi era e da dove veniva. Ma….lo Spirito Santo…………per parlare di cose, oggetti, o altro che non conosciamo o non abbiamo mai visto, usiamo spesso dei paragoni. Per descrivere a un bambino un animale che non ha mai visto, lo paragoniamo a qualche cosa che conosce e poi con le parole modifichiamo l’immagine fornita fino a renderla il più possibile vicina a quella che vogliamo rappresentare. Nel caso dello Spirito Santo il parlare per paragoni è l’unico modo per rendere un poco l’idea di e capire di chi stiamo parlando. Lo Spirito Santo nel corso della storia umana si è manifestato in vari modi e l’uomo lo ha rappresentato immaginandolo sotto la forma di oggetti/cose che ci sono familiari.




fuoco. Sugli apostoli riuniti nel cenacolo lo Spirito Santo è apparso sotto forma di lingue di fuoco (atti pag 2326). come si presenta il fuoco? Che caratteristiche ha?.........................il fuoco cosa ha rappresentato per i primi uomini? Proviamo a descriverlo con aggettivi rappresentativi………………..il fuoco serve per temprare l’acciaio, serve per liberare dalla scoria il materiale per l’altoforno, è il prodotto della fusione nucleare che si verifica nel sole continuamente ed è quindi la nostra fonte di calore. lo spirito quindi è calore nel cuore, libera dalle paure e dai timori, è fonte di luce e di calore (per il nostro spirito).



vento. Sugli apostoli riuniti nel cenacolo lo spirito si è fatto precedere da un rombo come di vento che si abbatte gagliardo. Come possiamo definire il vento? Sappiamo da dove viene? Sappiamo dove va? Con quali sensi lo avvertiamo? Lo possiamo vedere? Cosa produce se si scatena? Da che elementi è composto? Come può essere utilizzato e/o come era utilizzato per produrre energia? Il vento impedisce all’acqua stagnante di imputridire, il vento modella le montagne, la roccia, il vento collabora con la natura per permettere l’impollinazione, il vento è inafferrabile. per questo lo Spirito Santo fa cambiare le vecchie abitudini, i pregiudizi: cambia/converte l’anima. E' inafferrabile perché è mistero, non riusciamo a definirlo. Lo possiamo sentire solo se ci confrontiamo con lui nel silenzio.

colomba. Sotto forma di colomba scende su Gesù quando si fa battezzare da Giovanni nel fiume Giordano. Nel primo libro dell’antico testamento sta scritto:”lo spirito di dio aleggiava sulle acque”. Dopo il diluvio universale, il primo animale a dare speranza a Noè fu una colomba. La colomba di che cosa è simbolo? Cosa rappresenta normalmente? Pace, armonia e giustizia. Lo Spirito Santo è anche tutto questo.

Nessun commento:

Posta un commento

Posta un commento